al Massimo dell'Energia


Quei rompiscatole della commissione europea

Il 25 maggio scorso la Commissione europea ha inviato all’Italia una lettera di messa in mora per chiedere chiarimenti in merito alla cancellazione dell’obbligo di allegare il certificato di rendimento energetico agli atti di compravendita degli immobili, introdotta dall’art. 35 della legge 133/2008. L’Italia avrà due mesi di tempo per fornire una risposta o chiedere un’ulteriore proroga per rispondere alla Commissione.

Bene, glielo posso spiegare io alla commissione europea perchè in Italia non è obbligatorio il certificato energetico nelle compravendite degli immobili: il fatto è che, per qualche strana ragione, dopo la caduta del governo Prodi, che aveva inserito tale obbligo nel decreto Bersani, il nuovo governo Berlusconi, ha provveduto, con grande fretta, a cancellare tale obbligo.

Il Popolo delle libertà, ha molto a cuore la libertà del popolo italiano, e libertà vuol dire essere liberi di costruire e vendere case di cui non si sa il consumo.

Tanto in italia, il consumo energetico non è un problema. Siamo ricchi, e fra poco avremo il nucleare. Potremo costruire le case di cartone, tanto l’energia per riscaldarle ce la regaleranno.

Sarà importante avere il marmo, le finiture di pregio, la domotica, aumentare la cubatura (leggi: piano casa) quello sì che farà il valore di una casa. Ma il consumo di una casa (e di conseguenza anche quanto inquina) deve continuare a non essere una preoccupazione per gli italiani. Il tutto in perfetta coerenza con lo stile politico di chi ci governa. L’importante è l’apparenza, la sostanza è solo una scocciatura. Lo smog si respira, ma non si vede.

L’amministrazione Obama stanzia 5 milioni di dollari per finanziare gruppi spontanei di disoccupati che si mettono a disposizione per isolare le case prive di coibentazione per le famiglie a basso reddito.

RIPETO: il governo USA stanzia cinique milioni di dollari per STIPENDIARE DISOCCUPATI che si rendono disponibili per realizzare opere di COIBENTAZIONE su case appartententi a famiglie che ALTRIMENTI NON SE LO POTREBBERO PERMETTERE. Fonte: Mark Hopkins, consulente amminstrazione Obama per risparmio energetico.

Il mio non vuole essere disfattismo, o la solita polemica, raffrontando l’Italia agli “altri”, ma solo un tentativo disperato di diffondere un ragionamento, una goccia nell’oceano, per cercare di sollevare un’onda di consapevolezza e di ragione che spazzi via la schiuma fetida che sta ricoprendo sistematicamente ogni angolo di questo paese.

Ottimisticamente, sono sicuro che la schiumaccia fetida si scioglierà presto al sole, che finalmente inizierà a scaldare soavemente le nostre case, le nostre scuole e i nostri luoghi di lavoro e di svago, presto o tardi, quando l’Europa, di cui facciamo parte, ci costringerà. Colgo l’occasione per ricordare che i depuratori della citta di Milano, sono partiti dopo che per anni, credo 4, il comune (Albertini) ha pagato multe (con soldi pubblici, non certo suoi) per essere una delle ultime (o forse l’ultima) metropoli europea non dotata di un depuratore per gli scarichi fognari, che finivano tutti dritti dritti nel Lambro, poi nel Po e poi nel mare Adriatico, dove i nostri bambini vanno a fare il bagno d’estate. Ora i depuratori funzionano, ma sono costati il doppio, a causa delle multe.

Infine, una considerazione politica. I partiti componenti l’attuale Governo italiano, ovvero il Popolo della Libertà e la Lega Lombarda, si sono a più riprese scagliati, anche in passato, contro l’appartenenza dell’italia all’Europa, indicando la Comunità Europea come un cappio al collo per la nostra Libertà di mercato e di azione politica. Questo banale esempio dovrebbe essere preso come indicativo da chi fa opposizione, per spiegare agli italiani i motivi di tante scelte politiche del centrodestra. Politicamente non paga mai imporre a qualcuno di dover fare qualcosa, tipo pagare le tasse, costruire non abusivamente o far calcolare il consumo energetico della propria casa. Meglio lasciare che le cose vadano, rassicurare l’elettore, ed aspettare lo schianto.

L’europa ci impone di risparmiare energia, migliorando con intelligenza il nostro patrimonio edilizio esistente. La Comunità Europea viene quindi vista da questo governo come un intrigante guastafeste che con le sue assurde imposizioni, limita la nostra libertà di poter lasciare le case così come sono. Non mi sembra un ragionamento difficili da portare nei talk show, sui giornali. La gente inizia ad essere sensibile all’aria che respiriamo: perchè non iniziare a parlarne? Possibile che solo Beppe Grillo ne parli nei suoi comizi? No….pare sia meglio concentrarsi sulle “Escort” e le “Ragazze Immagine” di Palazzo Grazioli. Anche queste sono scelte.

Annunci

4 commenti so far
Lascia un commento

Caro, sono d’accordo su tutto quello che dici. Annoto tra l’altro con piacere che anche tu trovi sterili ed inopportuni i continui attacchi a suon di gossip, intercettazioni imbarazzanti e foto in stile Fabrizio Corona. Inutili perchè non sono in grado di scalfire il potere, inopportuni perchè mettono in piazza il gossip invece dei problemi veri dell’ Italia e di questo governo.
Peccato che il leader della sinistra abbia usato le foto delle signorine in topless come bandiera elettorale. E infatti si è visto come è andata.

Commento di Atom Ino

Infatti circola voce che il prossimo segretario del PD sarà una certa D’addario.

Commento di massimodellenergia

tutto quello che riguarda ambiente, energia, ricerca non può e non deve avere colori politici, anche se in Italia, chissà perchè, il nucleare pare essere di destra, l’eolico di sinistra. Pur non essendo un’esperta nel campo, non mi pare ci voglia Rubbia per capire che tutte le ricerche sulle fonti di energia rinnovabile che comincino ORA, con i giusti finanziamenti, daranno a chi verrà dopo di noi un benessere non quantificabile ma di sicuro enorme effetto sulle vite di ogni essere vivente. Il governo B. ha archiviato in fretta e furia il capitolo monnezza senza però farci capire fino in fondo dove è stata stoccata la cacca del sig. Ciro Esposito, e a me questo un pò mi inquieta, sopratutto quando penso che potrei ritrovarmela nell’insalatina del mercato lodigiano. Il governo del sig. B. ha pericolosamente messo in guardia chi stava convertendosi alla riqualificazione energetica degli edifici che forse, ma si, non era poi così importante di fronte allo tsunami della crisi economica mondiale. Mentre aumentare la cubatura, quello si che è un buon investimento! Il governo del sig. B. ha riaperto il discorso del nucleare, seppure la strada appare molto lunga e, sempre ammesso che si riesca a trasformarla in realtà, si sommano innumerevoli problemi di scorie, siti, militarizzazioni delle aree e, last but not least, di approvvigionamento dell’uranio. Mi ricordo poi vagamente, scusa l’imprecisione, di un braccio di ferro di qualche mese fa a proposito del pacchetto europeo energia-clima in cui, e ancora se ne vantano, abbiamo fatto comunella con una manciata di paesi dell’est per allontanare il più possibile la richiesta europea di ridurre le nostre emissioni di gas-serra. Come dire: soldi non ce ne stanno, teniamoci le caldaie degli anni 30, gli euro 2, ma di comprare depuratori di nuova generazione proprio ora non se ne parla. Di aprire a politiche di risparmio e/o investire in nuove tecnologie neanche a parlarne. Eppure io lo vedo, con molta fantasia, un mondo in cui una faccia pulita e onesta, magari un prossimo primo ministro, ci dica a reti unificate che le professioni del futuro, quelle su cui il nuovo governo investirà tutte le sue risorse, saranno prevalentemente a favore del miglioramento della vita degli esseri umani e del pianeta intero. Con un numero inarrestabile di nuove facoltà, poli universitari, ministeri per la ricerca e l’innovazione, borse di studio, meritocrazia. Mi rimetto a studiare, giuro.

Commento di La Cosa

Il PD arriverà a scambiare l’ Unità con Novella 2000. Franceschini a forza di guardare foto con le donne nude diventerà cieco e si riempirà di brufoli…arridatece er baffetto !!!!

Commento di Atom Ino




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: