al Massimo dell'Energia


Quei rompiscatole della commissione europea

Il 25 maggio scorso la Commissione europea ha inviato all’Italia una lettera di messa in mora per chiedere chiarimenti in merito alla cancellazione dell’obbligo di allegare il certificato di rendimento energetico agli atti di compravendita degli immobili, introdotta dall’art. 35 della legge 133/2008. L’Italia avrà due mesi di tempo per fornire una risposta o chiedere un’ulteriore proroga per rispondere alla Commissione.

Bene, glielo posso spiegare io alla commissione europea perchè in Italia non è obbligatorio il certificato energetico nelle compravendite degli immobili: il fatto è che, per qualche strana ragione, dopo la caduta del governo Prodi, che aveva inserito tale obbligo nel decreto Bersani, il nuovo governo Berlusconi, ha provveduto, con grande fretta, a cancellare tale obbligo.

Il Popolo delle libertà, ha molto a cuore la libertà del popolo italiano, e libertà vuol dire essere liberi di costruire e vendere case di cui non si sa il consumo.

Tanto in italia, il consumo energetico non è un problema. Siamo ricchi, e fra poco avremo il nucleare. Potremo costruire le case di cartone, tanto l’energia per riscaldarle ce la regaleranno.

Sarà importante avere il marmo, le finiture di pregio, la domotica, aumentare la cubatura (leggi: piano casa) quello sì che farà il valore di una casa. Ma il consumo di una casa (e di conseguenza anche quanto inquina) deve continuare a non essere una preoccupazione per gli italiani. Il tutto in perfetta coerenza con lo stile politico di chi ci governa. L’importante è l’apparenza, la sostanza è solo una scocciatura. Lo smog si respira, ma non si vede.

L’amministrazione Obama stanzia 5 milioni di dollari per finanziare gruppi spontanei di disoccupati che si mettono a disposizione per isolare le case prive di coibentazione per le famiglie a basso reddito.

RIPETO: il governo USA stanzia cinique milioni di dollari per STIPENDIARE DISOCCUPATI che si rendono disponibili per realizzare opere di COIBENTAZIONE su case appartententi a famiglie che ALTRIMENTI NON SE LO POTREBBERO PERMETTERE. Fonte: Mark Hopkins, consulente amminstrazione Obama per risparmio energetico.

Il mio non vuole essere disfattismo, o la solita polemica, raffrontando l’Italia agli “altri”, ma solo un tentativo disperato di diffondere un ragionamento, una goccia nell’oceano, per cercare di sollevare un’onda di consapevolezza e di ragione che spazzi via la schiuma fetida che sta ricoprendo sistematicamente ogni angolo di questo paese.

Ottimisticamente, sono sicuro che la schiumaccia fetida si scioglierà presto al sole, che finalmente inizierà a scaldare soavemente le nostre case, le nostre scuole e i nostri luoghi di lavoro e di svago, presto o tardi, quando l’Europa, di cui facciamo parte, ci costringerà. Colgo l’occasione per ricordare che i depuratori della citta di Milano, sono partiti dopo che per anni, credo 4, il comune (Albertini) ha pagato multe (con soldi pubblici, non certo suoi) per essere una delle ultime (o forse l’ultima) metropoli europea non dotata di un depuratore per gli scarichi fognari, che finivano tutti dritti dritti nel Lambro, poi nel Po e poi nel mare Adriatico, dove i nostri bambini vanno a fare il bagno d’estate. Ora i depuratori funzionano, ma sono costati il doppio, a causa delle multe.

Infine, una considerazione politica. I partiti componenti l’attuale Governo italiano, ovvero il Popolo della Libertà e la Lega Lombarda, si sono a più riprese scagliati, anche in passato, contro l’appartenenza dell’italia all’Europa, indicando la Comunità Europea come un cappio al collo per la nostra Libertà di mercato e di azione politica. Questo banale esempio dovrebbe essere preso come indicativo da chi fa opposizione, per spiegare agli italiani i motivi di tante scelte politiche del centrodestra. Politicamente non paga mai imporre a qualcuno di dover fare qualcosa, tipo pagare le tasse, costruire non abusivamente o far calcolare il consumo energetico della propria casa. Meglio lasciare che le cose vadano, rassicurare l’elettore, ed aspettare lo schianto.

L’europa ci impone di risparmiare energia, migliorando con intelligenza il nostro patrimonio edilizio esistente. La Comunità Europea viene quindi vista da questo governo come un intrigante guastafeste che con le sue assurde imposizioni, limita la nostra libertà di poter lasciare le case così come sono. Non mi sembra un ragionamento difficili da portare nei talk show, sui giornali. La gente inizia ad essere sensibile all’aria che respiriamo: perchè non iniziare a parlarne? Possibile che solo Beppe Grillo ne parli nei suoi comizi? No….pare sia meglio concentrarsi sulle “Escort” e le “Ragazze Immagine” di Palazzo Grazioli. Anche queste sono scelte.

Annunci