al Massimo dell'Energia


ma fanno apposta o sono “impreparati”?
dicembre 11, 2008, 4:34 pm
Filed under: Politica | Tag: , , , , ,

L’altro Ieri il governo USA (Obama) ha approvato il piano di salvataggio per GM e Chrysler (15 miliardi di Dollari) e le borse sono schizzate (NY a è 6%). Oggi si scopre che le condizioni per tale erogazioni di denaro PUBBLICO ad aziende PRIVATE sono di poter influenzare il piano industriale, e leggo le tre linee guida seguenti:

  • nuova linea industriale per lo sviluppo di auto ibride o elettriche,
  • incentivo allo studio e produzione di sistemi di trasporto pubblico piuttosto che di auto private ,
  • allontanamento dell’attuale amministratore delegato di GM Rick Wagoner (con un cognome così cos’altro potrà fare?) per manifesta inettitudine

Reazioni indignate di certi  maitre a penser: “questo è socialismo, si attenta al libero mercato e all’autoregolmentazione”. Io ora dico: ma possibile che ci sia ancora qualcuno che davanti al pietoso spettacolo dei colossi mondiali dell’automobile in ginocchio a chiedere l’elemosina alle casse dei contribuenti, abbia ancora l’ignoranza di insinuare che l’intervento pubblico nell’azienda privata sia un ingerenza di impronta marxista leninista da combattere fino alla morte?
Continua a leggere



anche questo blog si incatena
dicembre 9, 2008, 4:33 pm
Filed under: efficienza energetica | Tag: ,

Anche al massimo dell’energia partecipa all’incatenamento di blog contro i tagli all’intelligenza italiana contenuti nel decreto anti-crisi iniziata dal Kudablog. Non vogliamo che un Ministro di un Governo democraticamente eletto decida di ridurre democraticamente il quoziente intellettivo di tutto un popolo. I tagli agli incentivi per l’efficienza energetica in edilizia vanno contro qualsiasi buon senso e non aiutano a combattere la crisi, ma la aiutano a dilagare nell’unico settore che stava crescendo e creando nuove professioni, nuovi posti di lavoro e nuove competenze.



Marcia indietro o semplicemente marcia?
dicembre 4, 2008, 10:55 am
Filed under: efficienza energetica | Tag: ,

Retromarcia sulla retroattività degli incentivi… Buona notizia. Ma lentamente emergono le altre misure del decreto anti crisi.

Vorrei essere smentito, ma il decreto contiene una norma per tutelare gli Hedge Funds che operano sul mercato italiano da improvvise richieste di rimborso da parte di chi ha messo i soldi in questi fondi. Gli hedge funds sono tra i principali sospettati per il casino che sta succedendo….

E come possiamo accettare che vengano eliminati degli incentivi per l’efficienza energetica nello stesso decreto in cui vengono tutelati degli speculatori di professione? Gente che guadagna scommettendo sul ribasso del prezzo del grano, del petrolio e altre cose del genere?

Solo questi sono i tetti che vogliamo - no ai tetti agli incentivi per l'efficienza energetica

Solo questi sono i tetti che vogliamo - no ai tetti agli incentivi per l'efficienza energetica



Energia o intelligenza? Commenti sul decreto anticrisi Tremonti
dicembre 3, 2008, 3:39 pm
Filed under: efficienza energetica | Tag: , , , ,

Problema:

C’è la Crisi: dobbiamo risparmiare. Si, ma dove? Il Ministro Tremonti ha proposto, tramite un decreto, una serie nutrita di misure, tra cui la limitazione degli incentivi fiscali per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente (meglio conosciuta come “il 55%”).

Dal 29 novembre tale limitazione avviene tramite la fissazione di un “tetto” massimo spendibile per tali incentivi e un “benestare” da parte dell’Agenzia delle Entrate a una richiesta che dovrà essere fatta da chi ha sostenuto le spese per la riqualificazione energetica.

Premesse:
– Il 30% dei consumi energetici nazionali sono dovuti all’uso domestico (fonte: un’azienda energetica nazionale)
– il 60% della spesa annua famigliare è composto dalla voce “consumi per energia”. (Fonte: un’associazione di consumatori)
– il 40% dell’energia prodotta per il riscaldamento di una casa se ne va attraverso il tetto (Fonte: un lobbista del settore degli isolanti)

Ragionamento:
La crisi si combatte riducendo le spese e soprattutto evitando gli sprechi. L’efficienza energetica in edilizia è uno strumento intelligente che permette, in una sola mossa, di ridurre gli sprechi di energia (che costa a ognuno di noi) e di far girare l’economia.

Con l’obiettivo di ridurre la dipendenza energetica del sistema Italia, il governo Prodi aveva introdotto un “bonus fiscale “(legge 296/2006) consistente, che incentiva a effettuare interventi di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente. Si incentivano i proprietari, o gli inquilini, tramite detrazioni dalle tasse, a far consumare meno le tante case esistenti che consumano tanto quanto consumavano quando sono state costruite parecchi anni addietro, quando l’energia costava molto meno, e quindi non era una priorità.

L’effetto della riqualificazione energetica, con conseguente abbattimento dei consumi energetici ha l’effetto di:

– ridurre la spesa energetica famigliare
– ridurre la dipendenza energetica dai suddetti stati se tali interventi si diffondono a macchia d’olio tra la popolazione, grazie agli incentivi
– creare nuova domanda per il settore edilizio

come si fa l’efficienza energetica in ediliza?
– evitando di sprecare calore (o fresco) attraverso tetti, finestre e muri vecchi e inefficienti
– sfruttando per quanto possibile il calore del Sole per riscaldare l’acqua per la doccia (in Italia ce n’è parecchio, di sole: lo dicono anche certe canzoni…)
– riscaldando le case con sistemi di riscaldamento più efficienti (es. caldaie a condensazione)
– obbligando a dichiarare la classe energetica di una casa (quanto consuma) al momento della vendita (e quindi facendone strumento di mercato) come si fa da sempre per le automobili (perché quando compriamo le automobili ci interessa quanto consumano, ma le case no?)

La mia esperienza
Io, tramite interventi di riqualificazione energetica, ridurrò drasticamente il fabbisogno di energia della mia casa (da circa 45.000 KWh/anno a 10.000 KWh/anno – circa il 75% in meno). Se non ci credete ve lo dimostro…si può toccare con mano. Farò del bene alle mie tasche, e dai miei camini usciranno molte meno emissioni (Co2, polveri sottili etc.)

Per ottenere questo risultato ho basato i miei investimenti (e il mio mutuo) sul bonus fiscale del 55% che mi dava la possibilità di ottenere questo risultato, che altrimenti, visti i costi delle tecniche e dei materiali edilizi per il risparmio energetico superiori a quelli tradizionali, non mi sarebbe stato possibile.

Effetti concreti
Il decreto anti-crisi del Ministro Tremonti dello scorso 28 novembre rende praticamente irraggiungibili tali incentivi, imponendo un plafond irrisorio (si stima possa soddisfare il 10% delle richieste effettive) e sottomettendo l’agevolazione a un “silenzio-rifiuto” (novità!) da parte dell’Agenzia delle Entrate (vuol dire che se fai la domanda e NON ti rispondono entro 30 giorni, la domanda è “tacitamente respinta”). La domanda di ammissione all’agevolazione, inoltre, dovrà essere inoltrata tramite internet, e chi prima clicca meglio è posizionato nella valutazione. Se hai l’ADSL che fa cilecca proprio la notte del 15 gennaio 2009, puoi dire addio al bonus.

Nessuno è riuscito a capire come questo provvedimento possa far fronte alla crisi, dato che più probabilmente farà arrestare lo sviluppo dell’efficienza energetica in ediliza, facendo contrarre drasticamente la domanda.

Tornando all’esempio delle auto: perché devo comprare un’auto nuova che inquina meno ma costa di più, se ne ho già una che va bene, anche se non so quanto inquina? Ma se lo stato mi incentiva a farlo, allora la cambio, il mercato automobilistico cresce e l’economia gira.

Conclusioni:
Il provvedimento otterrà quindi l’effetto contrario, ovvero:

– rallenterà la domanda dei cittadini in ristrutturazioni “efficienti”
– rallenterà l’investimento delle imprese italiane nel settore dei materiali e degli impianti efficienti
– penalizzerà migliaia di liberi professionisti che si erano orientati verso tale settore, investendo in know-how e formazione personale.
– Favorirà il nero (perché devo farmi fare la fattura dall’impresa, tanto non mi serve, e risparmio subito l’iva)

Diffondiamo il più possibile queste informazioni, in modo da sensibilizzare più gente possibile riguardo queste tematiche, che purtroppo non sono di interesse comune (i giornali e i politici si sono mobilitati soprattutto per l’aumento dell’iva di “sky”…) nonostante il consumo di energia e i costi collegati non rappresentano un problema, ma rappresentano IL PROBLEMA.

CHIEDIAMO CON TUTTI I MEZZI SPIEGAZIONI AI NOSTRI GOVERNANTI, SE DAVVERO SONO CONVINTI CHE IN QUESTO MODO SI POSSA FARE FRONTE ALLA CRISI, QUANDO L’UNICO IMPORTANTE ELEMENTO NELLA VITA ECONOMICA DI UNA NAZIONE E DEL MONDO INTERO E’ SEMPRE STATO E SEMPRE SARA’ L’ENERGIA PER SCALDARE E ILLUMINARE LE NOSTRE CASE E PER FAR FUNZIONARE LE NOSTRE AZIENDE.

FINCHE’ SAREMO COSTRETTI A PAGARE AD ALTRI TUTTA QUESTA ENERGIA SAREMO SEMPRE IN CRISI.